Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Formazione del personale sanitario palestinese all'utilizzo di tecniche endo-laparoscopiche

Palestina

Dati dell'iniziativa: 2013/2016

Costo totale dell'iniziativa

€ 747.200,0
Suddivisi in
  • Prestiti -
  • Donazioni € 747.200,0

Status

50 Completato
50%

Palestina


Luogo

Ospedale di Nablus; Ospedale di Hebron; Ospedale di Jenin; Ospedale di Beit Jala; Ospedale di Jerico

Galleria foto

L'intervento condotto dalla Seconda Universitá di Napoli (SUN) ha i seguenti obiettivi: Miglioramento delle condizioni di Health della popolazione palestinese della Cisgiordania mediante il potenziamento degli ospedali pubblici nelle loro capacità diagnostico- terapeutiche; Miglioramento qualitativo e quantitativo dell’offerta diagnostica e terapeutica nell’utilizzo di tecniche chirurgiche mini invasive e loro diffusione a strutture ospedaliere pubbliche (Jenin, Gerico e Beit Jala); introduzione negli ospedali pubblici di procedure laparoscopiche avanzate ed endoscopiche specialistiche. leggi tutto chiudi

Obiettivo principale

Sviluppo presso gli Ospedali pubblici di Jenin, Beit Jala e Gerico di attività educative e cliniche nell'ambito di procedure laparoscopiche chirurgiche e ginecologiche di base, grazie all'adeguamento delle strutture e del parco biomedico e all'adozione di percorsi formativi certificati; Strutture del parco biomedico adeguate presso gli ospedali pubblici di Nablus ed Hebron; percorsi formativi certificati adottati; Coordinamento, realizzazione e monitoraggio delle attività svolte presso i cinque ospedali, al fine di introdurre il personale medico e infermieristico a percorsi di accreditamento certificati ed a nuove attività cliniche.

Dati dell'iniziativa

Numero dell'iniziativa 009964
Scopo Health personnel development
Settore I.2.b. Basic Health, Total

Soggetti

Finanziatore MAE - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo
Autorità locale Hospitals General Directorate; Hospital “Rafidia” Nablus; Hospital “Alia” Hebron; Hospital in Jenin; Hospital in Jericho; Hospital in Beit Jala; Faculty of Medicine, Najah University, Nablus; Nursing Faculty, Hebron University and Birzeit University.
Responsabile in loco -
Altri finanziatori Ministero della Sanità e le seguenti Istituzioni pubbliche: Direzione generale degli ospedali del Ministero della Sanità Palestinese; Direzione dell’Ospedale “Rafidia” di Nablus; Direzione dell’Ospedale “Alia” di Hebron; Direzione dell’Ospedale “ Jenin”; Direzione dell’Ospedale Gerico; Direzione dell’Ospedale Beit Jala; Facoltà di Medicina, Università Najah di Nablus; Facoltà di Scienze Infermieristiche dell’Università di Hebron e dell’Università di Birzeit. Istituzioni Italiane Coinvolte Ministero della Health Italiano. Università La Sapienza Roma – Dipartimento di Chirurgia; Università di Catania - Dipartimento di Chirurgia mini-invasiva e laparoscopica; Ateneo Vita e Health e l’IRCCS San Raffaele di Milano; Ospedale S. Moscati di Avellino; Ospedale Monaldi di Napoli; Ospedale di Civitavecchia; Scuola Speciale di chirurgia laparoscopica e mini invasiva ACOI con sede presso Nuovo Ospedale S. Agostino-Estense – Baggiovara, Modena; SIC – Società Italiana di Chirurgia; SICE – Società italiana di Chirurgia Endoscopica e Nuove Tecnologie; SIT – Società Italiana Tumori; MMEESA – Mediterranean and Middle East Endoscopic Surgery Association.

Beneficiari

Gli operatori sanitari degli ospedali di Nablus, Hebron, Jenin, Beit Jala e Gerico Circa 50 tra medici specialisti, specializzandi, infermieri, tecnici di sala operatoria e manager, che parteciperanno ad un programma di formazione intensiva teorico-pratica; Gli studenti universitari, tirocinanti post-laurea, dottorandi e gli specializzandi in chirurgia Generale palestinesi, così come i laureandi/laureati in scienze infermieristiche, che parteciperanno all’attività di formazione e ricerca; I pazienti palestinesi della Cisgiordania, che beneficeranno di cure mediche di qualità.

Il 50,0% dei beneficiari sono donne.
-
-