Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci

Accesso universale ed equo a servizi sanitari di qualità, per soddisfare i bisogni di salute di donne e bambini della Liben Zone.

Etiopia

Costo totale dell'iniziativa

€ 1.358.324,49
Suddivisi in
  • Prestiti -
  • Donazioni € 1.358.324,49

Dati finanziari aggiornati al 10.11.2015

Status

25 Completato
25%

Etiopia


Luogo

Regione di realizzazione Regione Somala Città di realizzazione Distretti di Filtu e Dekasuftu (Zona del Liben)

Obiettivo principale

I servizi di salute materno-infantile e riproduttiva sono migliorati a beneficio di tutta la popolazione dei distretti di Filtu e Dekasuftu, senza discriminazioni e con particolare attenzione alle fasce più vulnerabili (gravide, donne in età riproduttiva e bambini, sfollati e pastori). La copertura sanitaria dei servizi integrati di salute materno-infantile e riproduttiva è estesa attraverso il rafforzamento del sistema di riferimento e il coinvolgimento attivo della comunità. Le autorità sanitarie locali sono formate e in grado di programmare, gestire e supervisionare i servizi erogati dalle Health Facilities (HF).

Dati dell'iniziativa

Numero dell'iniziativa 010595
Scopo Basic health care
Settore I.2.b. Basic Health, Total

Soggetti

Finanziatore MAE - Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo
Autorità locale Dekasuftu Woreda Health Office (Dekasuftu WoHO); Filtu Woreda Health Office (Filtu WoHO)
Responsabile in loco -
Altri finanziatori Contributo ONG, CCM - COMITATO DI COLLABORAZIONE MEDICA: 330824.66 Altri contributi, Autorità locali: 263396.0

Beneficiari

91943 beneficiari diretti tra cui donne, partorienti ed assistite durante e dopo la gravidanza, e bambini sotto i 5 anni di età, membri comunitari sensibilizzati su salute materno-infantile e riproduttiva, famiglie educate in salute materno-infantile e riproduttiva. I beneficiari indiretti sono 188922 (popolazione totale di Filtu e Dekasuftu, compresi gli sfollati che vivono nell’area).

Il 55,0% dei beneficiari sono donne.
-
-
-
-